Home

Le guide turistiche di Viaggiare.it: fatti accompagnare nel tuo viaggio dalle nostre guide turistiche per l'Italia e le nazioni del mondo, con informazioni su storia, arte, attrazioni, gastronomia e molto altro.

Prenotazioni e assistenza 89 20 40 Lunedì-Domenica, 24h/24 Costo max 1,8 IVA incl/min

» home » guide » asia » medio oriente » turchia » shopping

Ricerca Voli


Cerca »

Ricerca Hotel

Dove vuoi alloggiare?

Arrivo / Partenza

Adulti
Bambini


Cerca »


Ricerca Vacanze

Ricerca subito la tua vacanza all-inclusive o un weekend low cost con Viaggiare.it


Cerca


Vai!
Cerca: nel sito nel web

Guida viaggio Turchia

La Turchia è tutta un enorme e affascinante bazar. L'abilità dei mercanti è proverbiale. Per cui succede un po' a tutti di ritrovarsi in casa oggetti di dubbio gusto che sul posto sembravano un affare irresistibile. Per evitare rimpianti, conviene puntare su tappeti, argenti tradizionali, ceramiche di Iznik e pipe. E ricordare che contrattare è un obbligo.
Tutto si concentra intorno e nel Gran Bazar. E' l'antenato dei moderni shopping center: 5 mila negozi, vari ristoranti, caffè, banche, moschee, laboratori artigianali, due uffici postali, una sala d'aste, un bagno turco. Da qui proviene il 10% della ricchezza prodotta ufficialmente in Turchia. In alternativa si può andare in Caferiye, di fronte ad Aya Sofya o al centro artigianale Caferaga Medresesi. Negozi più eleganti si trovano nel Centro artigianale del Corno d'Oro, lungo Ragip Gumuspala Caddesi, ricavato da una antica prigione genovese-ottomana.
Se avete intenzione di acquistare un tappeto, prima della partenza informatevi sui prezzi in Italia. Diffidate dei tappeti troppo lucidi (sono in fibre sintetiche). Tanti kilim sono spacciati per antichi, ma gli originali sono rarissimi e risalgono al secolo scorso. Girando un angolo del tappeto chiedete quanti sono i nodi per centimetro quadro. Più la trama è fitta e più piccoli sono i nodi e più il tappeto vale. Passate un fazzoletto bianco inumidito sul tappeto. Se si tinge vuol dire che le tinture sono solubili oppure i colori sono stati ritoccati con acquerelli. Controllate poi se i fili dell'ordito (quelli nel senso della lunghezza) sono in cotone (pamuk) o in lana (yun). Un buon tappeto dovrebbe essere completamente in lana. Ultima prova. Se siete in grado di distinguere l'odore di bruciato della seta, della lana, del cotone e del nylon, chiedete di tagliare un pezzo di frangia e bruciarla. Spesso i tappeti di seta, i più costosi in assoluto, sono in realtà di cotone.

Orari:
Dal lunedì al sabato dalle 8 alle 18.30. Alcuni negozi chiudono tra 12.30 e le 14.
Principali festività:
1 gennaio, 23 aprile, 1, 19 e 27 maggio, 30 agosto, 29 ottobre.
Pagamento:
Contanti. Cambiate poco per volta in lire turche perché la svalutazione è galoppante. Le principali carte di credito sono accettate solo nei negozi di lusso e spesso viene aggiunta una tassa.  Prima di acquistare confrontate i prezzi in diversi negozi. Contrattare è d'obbligo. Ma fate una controfferta solo se siete veramente interessati. è considerato molto maleducato contrattare un prezzo, giungere a un accordo e poi non comprare. Diffidate dei giovanotti, sia turchi sia stranieri, che si offrono di condurvi nel negozio per un "vero affare". Non è una gentilezza disinteressata, ma pagata con una commissione di circa il 30% che va a gonfiare il prezzo del vostro acquisto.

 



Capi d'Abbigliamento

Tessuti ricamati e coloratissimi, scialli di lana in colori scuri e bordo decorato, nastri e passamanerie tessuti a mano e poi le morbide sciarpe di seta prodotte a Bursa. Se siete in cerca di un magnifico costume per carnevale, potete acquistare nei bazar un abito per la danza del ventre.



Ceramiche

Le più belle ceramiche sono quelle prodotte e dipinte a mano a Iznik e Kutahya. Piatti, piastrelle e vasi (prezzi da 10 mila lire).

Dove:
Istanbul: Ilyas Aksu nel Gran Bazar. Kutahya e Iznik: nei negozi sulla strada principale.



Gioielli

Tanti gioielli in oro con pietre preziose. Ma in genere sono un po' grossolani. Più raffinate le creazioni artigianali in filigrana d'argento che riprendono i motivi tradizionali. Molto convenienti e belli gli oggetti in argento, dai vassoi agli specchi con retro e cornice in argento sbalzato, regalo bene augurante di matrimonio.

Dove: Istanbul: nel Gran Bazar, begli oggetti si trovano da Nu-Nu, da Suren e da Cap Gumus, dove si compra a peso. Attenzione: L'oro è spesso a 14 carati. Per l'argento controllate che ci sia il marchio  (925/1000); spesso si trova solo argentone (lega di rame, nichel e zinco).



Antiquariato

La Turchia è una immensa caverna di Alì Baba. Oriente antico e l'Occidente Belle Epoque hanno lasciato tanto materiale. Icone russe, argenteria ottomana, tessuti antichi, gioielli turchi e inglesi, candelabri bizantini, samovar, bocchini di narghilè scolpiti in ambra, rami e ottoni di uso domestico, bauletti da viaggio, sigilli di sultani, mappe e libri antichi, incisioni e quadri di sapore esotico. Prezzi convenienti e oggetti davvero originali.

Dove: Istanbul: nel Gran Bazar e nel quartiere degli antiquari di Cukurcuma. Attenzione: gli oggetti più vecchi di un paio di secoli non possono né esser commercializzati né tanto meno esportati. Il rame vecchio è molto pesante (per la maggior parte gli oggetti sono prodotti attuali).



Tabacchi

L'arte del fumo non ha segreti per i turchi. Oltre ai narghilè, si possono acquistare splendide pipe in schiuma di mare, molto costose in Italia. E' una pietra calcarea tenerissima e leggera, che attenua l'asprezza del tabacco e assorbe la nicotina. Oltre alle forme classiche, ce ne sono di monumentali scolpite a turbante, a grappolo d'uva.

Dove: Istanbul: Misir Carsisi, il bazar vicino al ponte di Galata, o per una qualità migliore da Verliexport (Ic Bedesten Serifaga Sok 59).



Cibi & Alimenti

Dedicato a chi ama i sapori decisi. Spezie piccanti e introvabili altrove al Misir carsisi di Istanbul. Per i golosi ci sono i bebek, cubetti di pasta di mandorle aromatizzati al pistacchio. E le marmellate ai fiori di limone prodotte ad Antalya. Come aperitivo molto alcolico c'è il raki, a base di uva passa e anice.



arredamento

I tappeti turchi sono un ottimo acquisto. Ce ne sono di due tipi: quelli annodati (hali), in seta o lana con bei disegni di ispirazione persiana; e i kilim, tessuti a telaio e originari delle regioni dell'Anatolia. I più belli sono in lana di pecora o cammello tinti con colori vegetali.

Dove:
Istanbul: al Gran Bazar, in particolare nella Sahaflar Caddesi; negozi sicuri sono Segor e Adnan & Hasan dove non si contratta. Cappadocia: lo spaccio della Sentez Avanos Hali (Tuzyolu) ad Avanos. Antalya: Antik Bazaar (Selcuk Mah.Ali Efendi 10, Kaleici).



Artigianato

Tanti, fino alla nausea, gli oggetti in rame sbalzato tra cui scegliere. Da non usare in cucina a meno che non siano rivestiti in stagno. Ingombrante, ma coreografico il set da lustra scarpe.



Pelletteria

Vasta l'offerta di oggetti e accessori in cuoio. I prezzi sono molto convenienti, ma la fattura è un po' grossolana per il gusto italiano.







Viaggiare.it


Home

»Chi siamo »Condizioni contrattuali »Centro assistenza »Impegno sociale

Voli

»Compagnie aeree »Offerte voli

Hotel

»Prenotazione hotel

Auto

Crociere

»Costa Crociere »MSC Crociere

Vacanze

»Pacchetti vacanza »Offerte weekend

Blog

Diari di viaggio

»Help

Guide

Voli low cost | Bravofly |

Questo sito web è di proprietà di Bravonext SA, con sede in Vicolo Dè Calvi 2 6830 Chiasso, CH (no. d'ordine: CH- 501.3.014.881-1 e P.IVA CHE-115.704.228IVA ). Tutti i diritti riservati © 2006 2014.
Viaggiare.it è un marchio registrato ®. I servizi disponibili attraverso il sito sono offerti dalle società del Gruppo Bravofly Rumbo o dai Partner di queste.